Post in evidenza

IL PRETESTO CLIMATICO

Il pretesto climatico 1/3   L’ecologia di guerra (1970-1982)   di Thierry Meyssan Il Presidente Gerald Ford, il Segret...

venerdì 6 gennaio 2017

Una significativa insensatezza: Il senso del senza senso


 Di Alan W. Watts

Si dice molto frequentemente che la radice della maggior parte dell’infelicità umana è la sensazione che la vita non ha nessun significato. Suppongo che questo è detto più spesso in circoli interessati alla psicoterapia, perché la sensazione della mancanza di significato è spesso collegata alla presenza della nevrosi. Sono molte le attività che si è incoraggiati a intraprendere: le filosofie in cui credere, le religioni cui aderire, sono raccomandate in base al fatto che danno alla vita un significato. Penso che sia molto affascinante pensare a cosa significa proprio quest’idea in sé o che cosa s’intende quando si dice che la vita deve avere uno scopo. Ricordo molto bene quando da bambino in chiesa ascoltavo i sermoni in cui il predicatore faceva costantemente riferimento al disegno di Dio, per voi e per me, e non sono mai riuscito a capire quale fosse questo disegno, perché quando lo si interrogava a questo proposito il buon reverendo pareva evasivo. Qual è il disegno di Dio per il mondo? Eravamo soliti anche cantare un inno: Dio realizza il suo disegno anno dopo anno. La chiave migliore che se ne poteva dare era in una specie di refrain dell’inno: “Il tempo sempre più si avvicina, il tempo, che certamente ci sarà, in cui tutta la terra sarà piena della gloria di Dio, come l’acqua riempie il mare.” Naturalmente questo solleva il problema, cos’è la gloria di Dio?

giovedì 5 gennaio 2017

La campagna della NATO contro la libertà di espressione


Questa è una lunga storia che attraversa un arco di quindici anni. La NATO inizialmente ha cercato di mettere a tacere i cittadini che cercavano di conoscere la verità sugli attentati dell’11 settembre. Poi ha preso di mira coloro che contestavano la versione ufficiale della "primavera araba" e della guerra contro la Siria. Da cosa nasce cosa, ha attaccato coloro che denunciavano il colpo di Stato in Ucraina. Ormai la NATO fa ora accusare da una pseudo-ONG quelli che han fatto campagna per Donald Trump di essere agenti russi.

Logo del Centro di comunicazione strategica della NATO

martedì 6 dicembre 2016

La dittatura europea: intervista alla d.ssa Isa Magli


Sono molte le persone straordinarie, in questo paese, che esercitano professioni attinenti la cultura, la ricerca e gli studi, che ai più sono sconosciuti. Alcune di esse non verranno considerate come meriterebbero, essendo, in genere, per nulla allineate al pensiero corrente; o a quello che qualcuno ritiene debba essere.

giovedì 1 dicembre 2016

LA BUFALA




LA BUFALA



 «Le bufale e la pubblicazione di notizie false sono un elemento di disonore del giornalismo e non possono essere considerate un elemento costitutivo della professione». Lo ha detto Raffaele Lorusso, segretario generale della FNSI, nel corso del convegno su “Giornalismo e bufale”, questa mattina alla Camera dei deputati. «Chi, come la FNSI, si batte contro ogni forma di bavaglio, contro ogni intervento di carattere autoritario per comprimere la libertà di espressione e il diritto di cronaca, contro le querele temerarie – ha detto – non può non essere in prima linea in un’azione di contrasto quotidiano alle bufale e alla violenza verbale».

mercoledì 30 novembre 2016

IL PENSIERO ANARCHICO


“Vuoi rendere impossibile per chiunque opprimere un suo simile? Allora, assicurati che nessuno possa possedere il potere” (M. Bakunin)




È possibile accostare il pensiero anarchico alla filosofia? Se “filosofia” significa amore per il “sapere”, ricerca mai conclusa del “sapere”, del “conoscere”, del “comprendere”, forse non sono molte le correnti filosofiche dall'età moderna in poi, pur così nominate, a poter rivendicare per sé questa qualifica in senso pieno. La maggior parte di esse si limita infatti ad offrire una specifica visione del mondo o dell'uomo, spesso dettagliata e argomentata, il più delle volte considerata un punto di arrivo. Non è anche l'anarchia una particolare dottrina politica, legata a un determinato momento storico? Se approfondiamo un poco la conoscenza di questo pensiero, ci renderemo conto che una definizione più corretta può essere invece “dottrina etico-politica” (molti pensatori anarchici si sono occupati di problemi etici, basti l'esempio di Kropotkin), e se andiamo ancora avanti nella nostra esplorazione, alla fine arriveremo a concludere che può essere ancora più opportuno riconoscerla come “filosofia etico-politica”, e attribuirle quindi lo spazio a cui ha pieno diritto all'interno del pensiero filosofico in senso lato. Potremmo anche dire, rifacendoci ad Aristotele, che si tratta di una “filosofia pratica”, in quanto caratterizzata dall'azione, sia come scopo che come oggetto.

venerdì 4 novembre 2016

Antisemitismo, l'incitamento razziale, la deificazione della razza.

Una disputa interna ebraica. 

Antisemitismus, Rassenhetze, Rassenvergottung. 

Eine innerjüdische Auseinanderset­zung 

Gurewitsch Abraham
Gianantonio Valli
 

<< Tra i più lucidi avversari ebrei del sionismo comunque inteso è l’«apostata» Abraham Gurewitsch, membro dei Knaanim, un gruppo che si definisce "Je­wish World Organization for truth, liberty, honour, justi­ce and peace" “Organiz­za­zione Mondiale Ebraica per la verità, la libertà, l’onore, la giustizia e la pace”. Indignato per l’ag­gressività razzistica dimostrata contro i tedeschi dai confratelli dopo la «campagna del­le svastiche» scate­nata da Natale 1959 a metà feb­braio 1960 (ottocentotrentatré atti di «antisemitismo»: im­brat­tamento di muri con svasti­che, vio­la­zione di cimi­te­ri, danni a pro­prie­tà ebrai­che, etc. scatenati a Colonia e nell’intera Re­na­nia da assoldati della Stasi/KGB agli ordini del generale sovieti­co Aga­yanz della Se­zio­ne Dezinfor­ma­cija), l’antisioni­sta, dopo avere rilevato l’impro­prietà semanti­ca del termine «antisemi­ta», va al cuore della Judenfrage:

lunedì 31 ottobre 2016

GRAN SASSO: UN LABORATORIO DI FISICA NUCLEARE "INSOSPETTABILE"!




di Gianni Lannes
Io so di non sapere, ma in ogni caso il dubbio ma non l’accettazione acritica di presunte verità ufficiali, è la base di ogni civiltà umana, nonché il fondamento della ricerca. Quando la scienza è un pretesto ammantato dal segreto di Stato, quando si nega e si tranquillizza fino all'imbonimento delle masse. Quanto è piccolo il mondo disumano, dove la fantascienza (DARPA) ha soverchiato la realtà. Basta scavare un po’ e tutto torna a rigor di logica, per ricostruire il bandolo della matassa sulla base di un’esperienza personale diretta, verificabile da chiunque.