Post in evidenza

IL PRETESTO CLIMATICO

Il pretesto climatico 1/3   L’ecologia di guerra (1970-1982)   di Thierry Meyssan Il Presidente Gerald Ford, il Segret...

martedì 16 febbraio 2016

Geoingegneria e cabiamenti climatici, come la cura uccide il pianeta.






La soluzione geoingegneria al cambiamento climatico potrebbe portare a una significativa riduzione della piovosità in Europa e Nord America, conclude un team di scienziati europei. I ricercatori hanno studiato come i modelli di una Terra più calda, ricca di CO2, rispondono ad una riduzione artificiale della quantità di luce solare che raggiunge la superficie del pianeta. Lo studio è pubblicato oggi in Terra di System Dynamics, una rivista ad accesso libero della European Geosciences Union (EGU).


Affrontare il cambiamento climatico attraverso la riduzione della radiazione solare che raggiunge il nostro pianeta usando l'ingegneria del clima, nota anche come geoingegneria, potrebbe provocare effetti indesiderati per la Terra e l'umanità. In particolare, il lavoro svolto dal team di scienziati norvegesi, tedeschi, francesi e britannici dimostra che la rottura dei modelli di pioggia globali e regionali è probabile in un clima geoingegnerizzato.


"L'ingegneria del clima non può essere
considerata come un sostituto per una via politica di mitigazione dei cambiamenti climatici attraverso la riduzione delle emissioni di gas serra", concludono nel documento.


Tecniche di geoingegneria per ridurre la quantità di radiazione solare gamma che raggiunge superficie terrestre da mimare gli effetti delle grandi eruzioni vulcaniche rilasciando anidride solforosa nell'atmosfera, della installazione di specchi giganti nello spazio. Gli scienziati hanno proposto queste soluzioni, che riflettono la luce del sole come tentativi da ultima spiaggia per fermare il riscaldamento globale.

Ma come sarebbe un tale clima
ingegnerizzato?

Per rispondere a questa domanda, i ricercatori hanno studiato come quattro modelli della Terra rispondono a ingegneria del clima in uno scenario specifico. Questo ipotetico scenario presuppone un mondo con una concentrazione di CO² che è quattro volte superiore ai livelli preindustriali, ma dove il calore aggiuntivo causato da un tale aumento è bilanciato da una riduzione di radiazione che riceviamo dal sole.


"Il quadruplicamento della CO2 è alla fine superiore, ma ancora nel range di quello che è considerato possibile, alla fine del 21 ° secolo", dice Hauke Schmidt, ricercatore presso l'Istituto Max Planck per la meteorologia in Germania e autore principale del documento.
Secondo lo scenario studiato la piovosità diminuisce fortemente - di circa il 15% (circa 100 millimetri di pioggia all'anno) dei valori di precipitazione preindustriali - nelle grandi aree del Nord America e del nord dell'Eurasia. Nel corso centrale del Sud America, tutti i modelli mostrano una diminuzione delle precipitazioni che raggiunge oltre il 20 per cento in alcune parti della regione amazzonica. Altre regioni tropicali si vedono cambiamenti simili, sia negativi che positivi. Nel complesso le precipitazioni globali sono diminuite di circa il 5% in media in tutti e quattro i modelli studiati.




"L'impatto di questi cambiamenti sono ancora da affrontare, ma il messaggio principale è che il clima prodotto dalla geoingegneria è diverso da qualsiasi clima precedente anche se la temperatura media globale di un clima precedente può essere riprodotta", afferma Schmidt.


Gli autori notano che lo scenario studiato non intende essere realistico per una potenziale applicazione futura dell'ingegneria climatica. Ma l'esperimento di geoingegneria permette ai ricercatori di identificare in modo chiaro e di confrontare le risposte di base del clima della Terra, ponendo le basi per studi più dettagliati futuri.



"Questo studio è il primo confronto pulito di modelli differenti seguendo un protocollo di simulazione rigorosa, che ci permette di stimare la robustezza dei risultati. Inoltre, stiamo usando la più recente generazione di modelli climatici, quelli che forniranno risultati per la relazione dell'IPCC [Gruppo intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici] Report", spiega Schmidt.


Gli scienziati hanno usato modelli climatici sviluppati dal Centro di UK Met Office Hadley, l'Institut Pierre Simon Laplace in Francia, e l'Istituto Max Planck in Germania. Scienziati norvegesi hanno sviluppato il quarto modello della Terra.

Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.

LinkWithin

Può interessarti anche